Video Iron Maiden

Pubblicato il agosto 18th, 2010 | da Luisa Fazzito

11

Gli Iron Maiden travolgono gli 11 mila di Udine

Erano più di 11mila i fan accorsi ad assistere all’imperdibile unica data italiana degli Iron Maiden, ieri 17 Agosto a Codroipo, Udine, e Il The Final Frontier World Tour ha registrato così l’ennesimo sold out.

Dickinson e soci si sono esibiti davanti al loro pubblico estasiato su un palco-astronave proponendo per gran parte i pezzi degli ultimi anni di pubblicazione come “The wicker man” o “Ghost of the navigator“, “Wildest dreams“, “No more lies“o ancora “These colours don’t run” e i brani tratti da “The Final Frontier“, l’ultimo album in studio della band; ma c’è spazio anche per i classici con “Wratchild“, “The number of the beast“, “Running free” e “Hallowed Be Thy Name” con il quale salutano il pubblico.

Travolgenti come sempre i sei, compreso Eddie, eterna mascotte della band, non hanno certamente deluso per lo spettacolo di musica e luci offerto nella splendida cornice di Villa Manin di Passariano.

Questi alcuni video del live degli Iron Maiden ad Udine

Iron Maiden

Iron Maiden – Blood Brothers

Iron Maiden – Fear Of The Dark

Tags: , , , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Appassionata di calcio e sport, amante di tutto ciò che è rock e grunge, apprezza la musica e ne scrive quotidianamente. Ama i live e segue con passione gli eventi mediatici, coordina con entusiasmo il gruppo editor di MelodicaMente.



11 Responses to Gli Iron Maiden travolgono gli 11 mila di Udine

  1. Il Perugino says:

    Un concerto estremamente deludente… non tanto loro, che non deludono Mai, ma un Missaggo da principianti, ma soprattutto un Pubblico di cerebrolesi!!!!

    Mi verrebbe da dire un Pubblico di Metallari Infinocchiti (con tutto il rispetto per i Gay) Non si potevano vedere!!! una masnada di Metalloni puzzoni che invece ce vivere un concerto come quello non facevano altro che fare riprese pessime col cellulare o con compattine di Hello Kitty… che si lavano le manine con l’Amuchina Gel… Per non parlare del restante pubblico… cera una serie di persone degne della peggior sagra paesana, vecchini di 80 anni con i nipoti, signori di tutte le età (che da un lato mi fa pacere… ma non capisco il motivo della presenza!!) Poi sti bambinetti di 15 anni accompagnati dai Genitori… ma cazzo, lasciateli liberi sti ragazzetti.. fateli crescere, facevano Vergogna!!

    Poi lo scandalo di essere costretti a pagare un fottuto bicchiere di birra 5 euro!!! senza la possibiità di portarsi da bere da casa, per motivi “di sicurezza”… UNA MAFIA!!! Un Giro di soldi pauroso!!!! oltre che 70 euro di biglietto pure un minimo di 30 euro di “Generi di sopravvivenza”!!! Ladri!!!

    e poi…. io capisco che chi vuol godersi lo spettacolo in tranquillirtà, ne ha diritto.. chi viene con la ragazza (di media alta 1.50 cm e magrolina) chi porta il fratellino, chi è zoppo, ci ha problemi di vario genere… MA DICO CHE SOTTO IL PALCO LA GENTE NON SI SBATTA UN PO NON ESISTE!!!!!! Il mio primo concerto degli Iron, a 28 anni, mi aspettavo che La prima fila fosse quella del “Pogo”, dell’Energia!! del Vivere un concerto in tutti i Sensi!!! E INVECE TUTTI COME MENTECATTI CON LE MACCHININE FOTOGRAFICHE A GUARDARE LO SCHERMINO!!! per portare a casa un video di merda da pubblicare su Facebook, per far sapere agli “Amicidifacebook” che sei stato al concerto!!! MA ASCOLTA LA MUSICA, VIVI LA MUSICA!!! HAI DAVANTI DEGLI ARTISTI CHE SONO LI PER TRASMETTERTI DELLE EMOZIONI… VIVILE!!!

    Falliti!!! Metallari Falliti!!!! Mi avete deluso come non mai!!!

    …i Metallari con l’Amuchina… queste nuove generazioni mi fanno Cacare!!!

    • Fabio says:

      sono fan degli iron maiden da piu di 1 decennio. a Udine purtroppo non c’ero, ma ho avuto la fortuna di vederli dal vivo 3 volte. L’ultima al Gods of Metal del 2008. Eravamo in 1° fila e il pubblico non era certo tranquillo. Io ho scattato delle foto, ma principalmente ho guardato e ascoltato la musica; tra i momenti più intensi è stato durante “rime of the ancent mariner”, con quei riff da sballo, le atmosfere nebbiose e soprattutto gli assoli, durante i quali sono partiti a sorpresa anche i fuochi d’artificio: momenti intensi… da restare a bocca aperta… altro che pensare a fare video: il concerto era li.. in quel momento.
      Dalle gradinate dello stadio Olimpico a Roma nel 2007 invece io, mio fratello e altri amici ci godavamo pezzi tipo “Children of the damned” o “Fear of the dark” cantandone i ritornelli a squarciagola ASSIEME AD ALTRE 25MILA PERSONE IN DELIRIO. Gli Iron Maiden sono soprattutto questo!!! Altro che pensare a fare i video!!!
      sulla speculazione economica da parte degli organizzatori sono daccordo.

    • Wildchild89 says:

      Avete ragione li davanti era pieno di poser…ok che era un concerto dei maiden ed il pogo non è infernale, ma io ho patito più la calca in coda per entrare che in seconda fila!!
      Tutti ad accappararsi le prime file per fare delle belle foto.. inconcepibile!!!

      Io in prima fila ci vado per cantare faccia a faccia con Bruce, per essere il primo a cui Steve sparerà con il suo basso!!!!
      Non dico di ammazzarsi di spallate e gomitate in faccia, ma in Fear of the dark ,Hallowed be thy name, ecc non puoi non saltare o stare fermo quando Steve e Janick affiancati stanno dando l’anima!!

      Ho visto molta gente ignorante: gente che non sapeva una parola, gente che chiedeva che canzone stavano suonando, tipi che chiamavano Janick “quello là con la chitarra nera”…
      A volte mi giravo indietro e mi pareva di essere l’unico a fare un po di macello…tutti che ti guardano come a chiedersi perchè ti agiti! robe da matti ad un concerto del genere!!

      Al gods 2008 a Bologna raramente ho toccato il suolo con entrambi i piedi e qua sti poser avrebbero voluto star comodi in poltrona! Ma state a casa che è meglio!!
      Per fortuna qlc che voleva divertirsi c’era anche e ci abbiamo dato dentro!!
      Essere riuscito a prendere il plettro di Adrian comunque mi ha riempito di orgoglio e felicità per cui mi reputo dopotutto soddisfatto!!!
      Alla prox! Stay \m/!!! Up the Irons!

    • Wyatt Earp says:

      I metallari con l’Amuchina sono quelli che si sterilizzano le mani prima di “aggiustarsi” o mettersi le lenti a contatto giornaliere, se sai cosa sono, razzista di merda! Per quanto riguarda gli zoppi o altre persone, credo che a quel concerto ci fosse spazio per tutti se non altro perchè era presente anche un idiota come te. Aveva ragione il mio Comandante quando diceva che la madre degli imbecilli è sempre incinta! Tu e quelli come te con lo “Spirito Metal” non avete nulla a che spartire, abituatevi all’idea.

  2. KTEWhiplasher says:

    scusami sono un metallaro ero li vicino in seconda-terza fila…e 1: il pogo c’è stato ma se sei un metallaro frequentatore di concerti seri sai bene che il pogo si fa dietro la seconda fila come minimo.in mezzo in genere è la parte più “attiva” del pogo…poi non pretendere cmq chissà cosa ,sono i maiden (sottolineo subito che sono il mio gruppo preferito) non t aspettare il devasto che t potresti trovare dagli slayer piuttosto che lamb of god o cannibal corpse!!!!poi in alcune canzoni c sta d bestia(ho pogato in fear of the dark!) per quanto riguarda l’età..beh chiunque ha diritto a godersi buona musica, dai bambini ai vecchi agli zoppi…forse bisognava evitare che i bambini stessero nella zona più vicino al palco, nonchè quella potenzialmente più pogabile-“pericolosa”…e c’era cmq dentro gente fatta e stra fatta di 20-30 anni che t posso garantire non connettevano i neuroni e che a mio avviso possono essere più pericolosi di un nonno col nipote…per quanto riguarda l’amuchina o cose simili sono pienamente d’accordo con te…a un concerto di 11mila persone e passa non puoi pretendere d essere pulito,lindo asciutto o disinfettato…e poi anke sul fatto che era pieno di poser nn t s può che dare ragione,facevano schifo.
    infine credo che scattare foto ,e fare video non sia poi così grave…vuoi un ricordo d un evento stupendo come quello di ieri sera…io purtroppo non avevo la macchina fotografica ,ma l’avrei usata piuttosto che spendere 20 euro minimo x una maglietta!saranno i maiden ma i soldi sono i soldi…la buona musica poi ce la s gode pure facendo foto,nn devi concentrarti solo sulla macchina fotografica e basta!!
    posso sembrarti una mezza sega dicendoti questo,ma alla fine quello che voglio pure io è divertimento o comunque relax in un concerto…pogo,headbanging,surf diving,cantare saltare ecc. fanno tutte parte del divertimento…ma ogniuno ha cmq diritto a seguire un concerto come meglio crede (ciò non toglie che molte cose abbiano dato fastidio pure a me)…
    detto questo t saluto, 666 up the irons!

  3. KTEWhiplasher says:

    dimenticavo quasi….falliti sono i poser, io m ritengo un headbanger ,e fanculo a chi pensa k il metal di noi della nostra generazione sia morto o corrotto!

    • Wildchild89 says:

      Avete ragione li davanti era pieno di poser…ok che era un concerto dei maiden ed il pogo non è infernale, ma io ho patito più la calca in coda per entrare che in seconda fila!!
      Tutti ad accappararsi le prime file per fare delle belle foto.. inconcepibile!!!

      Io in prima fila ci vado per cantare faccia a faccia con Bruce, per essere il primo a cui Steve sparerà con il suo basso!!!!
      Non dico di ammazzarsi di spallate e gomitate in faccia, ma in Fear of the dark ,Hallowed be thy name, ecc non puoi non saltare o stare fermo quando Steve e Janick affiancati stanno dando l’anima!!

      Ho visto molta gente ignorante: gente che non sapeva una parola, gente che chiedeva che canzone stavano suonando, tipi che chiamavano Janick “quello là con la chitarra nera”…
      A volte mi giravo indietro e mi pareva di essere l’unico a fare un po di macello…tutti che ti guardano come a chiedersi perchè ti agiti! robe da matti ad un concerto del genere!!

      Al gods 2008 a Bologna raramente ho toccato il suolo con entrambi i piedi e qua sti poser avrebbero voluto star comodi in poltrona! Ma state a casa che è meglio!!
      Per fortuna qlc che voleva divertirsi c’era anche e ci abbiamo dato dentro!!
      Essere riuscito a prendere il plettro di Adrian comunque mi ha riempito di orgoglio e felicità per cui mi reputo dopotutto soddisfatto!!!
      Alla prox! Stay \m/!!! Up the Irons!

  4. Seba says:

    direi che la cosa più sconcertante è stata l’organizzazione…le transenne a 30 m e in prima fila tutti comodi col braccialetto…

  5. EddieTheHead says:

    Beh i Maiden sono assolutamente incapaci di deludere il proprio pubblico.La nota stonata è stato l’audio perchè non si sentiva un cazzo.sono anni che vado ai concerti ma è la prima volta che…’mi sentivo’ cantare.persino dietro di me sentivo le persone chiaccherare..roba da teatro!Per il resto, è storico che mano a mano che le generazioni cambiano, il macello si riduce sempre più.Ma sono le nuove generazioni…che volete farci??Ai Maiden non si poga come ai Manowar o Slayer perchè si canta moltissimo parola per parola ma vi assicuro che negli anni addietro…si pogava sempre e comuqnue ai Maiden.Obietto sul discorso nonni,genitori ecc. ognuno è libero di fare ciò che ritiene più opportuno.Il concerto non è un luogo di disperati o menteccatti:è un occasione per stare insieme sotto la stessa bandiera.E’ una festa.Inoltre ai concerti ci sono le giuste ‘zone’ e quindi ognuno deve essere libero di fare ciò che vuole.Del resto PAGA il biglietto e acquisisce un diritto.Però sono d’accordo che…in tanti non cantavano per pensare a fare foto e video del cazzo.Porca miseria,già solo dieci anni fa era un delirio quanto ci si sgolava!E un concerto quando cantano tutti…è una meraviglia.Va beh…sempre e solo UP the Irons e..stay metal.

  6. Alessio says:

    Ciao,
    io non mi ritengo un metallaro “vero” perché non fa parte del mio carattere.
    Però quando ho ascoltato per la prima volta i dischi dei Maiden (circa quattro anni fa) ne sono rimasto folgorato, tanto che adesso conosco tutta la discografia e la loro storia dagli esordi.
    Ho partecipato a un solo concerto, quello di Roma del 2007 e secondo me la cosa migliore a un concerto è semplicemente cantare, saltare, battere le mani, e non fare a spallate.
    Per qualche brano sono stato nelle prime file in mezzo al “pogo” e non sono riuscito a godermi un secondo di musica, mentre verso la fine sono stato più indietro esausto ad ascoltare, però ero talmente stanco che non mi sono goduto neanche quei momenti.
    E poi non penso che in tutti i concerti metal sia obbligatorio pogare e fare gli assatanati.
    Penso ai concerti degli Stratovarius o dei Nightwish, lì la musica e il canto sono protagonisti, pensare a pogare sarebbe da “imbecilli”.
    Detto questo, ho letto la scaletta del concerto di Udine, e devo dire che è stata veramente una bella scaletta, mentre per quanto riguarda il nuovo disco al primo ascolto non mi ha entusiasmato.

  7. Silvia Ludovici says:

    Ho fatto 12 ore di viaggio tra treni e pullman per arrivare a Villa Manin la sera prima del concerto, e nonostante avessi l’hotel pagato ho preferito passare la notte davanti ai cancelli per assicurarmi un posto nelle prime file. Il mattino del 17 Agosto stavo per svenire sotto il sole, mi ha salvata una bottiglietta di acqua e zucchero..La stanchezza di due giorni senza dormire si faceva sentire! Ma, nonostante nella seconda fila stessi soffrendo per via di alcuni tedeschi che mi tiravano gomitate per passarmi avanti, è stato il giorno più bello della mia vita, in assoluto.
    Non mi reputo “metallara”, perchè ascolto anche altri generi oltre al metal, ma mi definisco una vera fan dei Maiden.
    Per “Il Perugino”: non hai davvero capito UN CAZZO del metal. Ho visto persone disinfettarsi con l’amuchina poichè dovevano cambiare le lenti a contatto, e non credo sia il caso di definirli “metallari infinocchiti”. I poser c’erano, e su questo non posso darti dorto. Ma dimmi un po’, per te godersi un concerto significa fare a spallate mentre hai davanti i tuoi idoli? Fai un viaggio pazzesco, una fila di più di 20 ore, spendi un botto di soldi per poi prenderti a spallate per tutto il concerto? Critichi tanto, ma sei il primo a non aver capito un cazzo..Puoi pogare durante qualche canzone, decisamente, ma un concerto non te lo godi pogando, bensì cantando a squarciagola tutte le canzoni, sentendo la tua voce che si unisce a quella di molte altre persone unite sotto un unica fede: gli Iron Maiden. Infine, TUTTI hanno lo stesso diritto che hai te di vedere i Maiden..Anzi, se tu fossi stato un vero fan saresti stato felice vedendo persone di ogni età unite sotto un’unica bandiera. Come diciamo qui a L’aquila, “cala da ssa pianta”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi