News Ezio Bosso

Pubblicato il febbraio 11th, 2016 | da Luisa Fazzito

0

Sanremo: Ezio Bosso commuove, gli Elii trascinano l’Ariston

La seconda serata del Festival di Sanremo sarà ricordata come la serata dell’inno alla vita grazie a Ezio Bosso, uno dei massimi compositori, pianista e direttore d’orchestra italiani affetto da una malattia neurodegenerativa. Al pianoforte accarezza “Following a bird“, brano contenuto in “The 12th Room“, e a tal proposito spiega:

Noi uomini tendiamo a dare per scontate le cose belle, ma ogni tanto a tutti capita una stanza buia e piccola. Noi siamo dodici stanze, nell’ultima ricordiamo la prima, quando nasciamo non la possiamo ricordare, perché non vediamo, ma nell’ultima la vediamo perché siamo pronti a ricominciare“.

E mentre il pubblico lo ringrazia per la sua grande forza con una standing ovation il Maestro Ezio Bosso si congeda con un consiglio:

“Ricordatevi che la musica, come la vita, si può fare in un modo solo: insieme”.

Ezio Bosso
Rimane questo il momento più alto di tutta la lunga serata di Sanremo che prende il via con la sfida tra i quattro giovani in gara: a passare il turno per la finalissima di venerdì prossimo sono la giovanissima Chiara Dello Iacovo, ex concorrente di The Voice, con il brano “Introverso“, ed Ermal Meta, ex de La Fame di Camilla e autore per molti dei brani di Marco Mengoni, Emma, Patty Pravo e Renga, per citarne alcuni, con “Odio le favole“.

A Dolcenera il compito di aprire ufficialmente la gara tra i 10 big in gara, con la sua “Ora o mai più (le cose cambiano)” riesce a conquistare il pubblico presente a Teatro ma non basterà per scalare la classifica dei più votati.

Quando sono lontano” di Clementino siamo certi che acquisterà molto nel passaggio in radio, l’orchestra penalizza molto il brano del rapper campano.

A Patty Pravo il pubblico tributa una standing ovation, e con “Cieli immensi” è il miglior modo per festeggiare i 50 anni di carriera . Nei giorni scorsi Valerio Scanu ha spesso ripetuto di tornare a Sanremo per il rilancio e il brano, scritto per lui da Fabrizio Moro, ne aveva le potenzialità, ma Scanu non è riuscito comunque a convincerci.
Buon debutto per Francesca Michielin impeccabile nella sua “Nessun grado di separazione“.

Francesca Michielin

La separazione di Alessio Bernabei dai Dear Jack sicuramente non ha giovato ne all’uno ne agli altri, i fan probabilmente hanno subito la stessa scissione incidendo molto anche nel televoto. “Noi siamo infinito” scade nel già sentito e risentito ma non abbiamo dubbi nel prevedere che sarà tra i brani più trasmessi in radio.

Allegri e geniali gli Elio e Le Storie Tese che con “Vincere l’odio” propongono 7 stili diversi in un brano che è composto da tanti ritornelli. Noi ci auguriamo che quest’anno possano raggiungere un posto più alto in classifica rispetto a quello raggiunto con “La canzone Mononota”.

Nessuna sperimentazione per Neffa che, anzi, annoia con “Sogni e nostalgia” e la sensazione è quella di ascoltare un brano già sentito.

Ce la mette tutta Annalisa a salire sul podio di Sanremo e, perché no, magari a vincerlo. Convincente e perfetta con la sua “Il diluvio universale“, brano per niente facile da interpretare. Chiudono gli Zero Assoluto che portano a casa il compitino assegnato senza sforzarsi più di tanto.

A Eros Ramazzotti il compito di far ballare il teatro con un madley dei suoi più grandi successi. 32 anni fa la sua prima volta al Festival di Sanremo con “Terra Promessa“, da allora il successo ha superato i confini nazionali. Oltre a “Terra promessa”, “Una storia importante”, “Adesso tu” ha cantanto anche “Più bella cosa”, brano scritto per l’allora moglie “Michelle Hunziker ma che ieri non ha esitato a dedicare all’attuale Marica Pellegrini, innamorata in platea.

Eros Ramazzotti

Impeccabile anche Ellie Goulding in “Love me like you do” prima e “Army” dopo, in mezzo alle due performance spazio anche per l’imbarazzo per inglese maccheronico di Carlo Conti sprovvisto di traduttrice per l’intervista alla star inglese.

Alessio Bernabei, Neffa, Dolcenera e gli Zero Assoluto i quattro big a rischio eliminazione.

Tags: , , , ,


Informazioni sull'Autore

Appassionata di calcio e sport, amante di tutto ciò che è rock e grunge, apprezza la musica e ne scrive quotidianamente. Ama i live e segue con passione gli eventi mediatici, coordina con entusiasmo il gruppo editor di MelodicaMente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi