S’intitola “4“, proprio come il numero della componenti della band tutta al femminile, l’album di debutto firmato Le Deva e anticipato dal singolo “Semplicemente io e te“. Il disco, in uscita il 20 ottobre, è frutto del lavoro congiunto di Laura Bono, Verdiana Zangaro, Greta Manuzi e Roberta Pompa, tutte cantautrici con già all’attivo propri progetti singoli. Laura Bono è arrivata per ultima prendendo il posto di Simonetta Spiri che ha invece abbandonato il progetto.

A parlare del disco e del gruppo è Verdiana Zangaro, già nel cast di Amici nel 2013: “Questo album è il frutto di un lavoro durato un anno e mezzo e che ci ha insegnato cosa significa fare musica in gruppo. Ci sono tanti ingredienti che si mescolano come i testi d’autore, la melodia italiana e il ritmo pop internazionale. Siamo i quattro elementi della natura e insieme ci completiamo e bilanciamo. Nel nostro gruppo è importante la figura della donna ed è importante il numero 4. Da qui deriva il nome Le Deva e il titolo dell’album: i Deva sono spiriti della natura appartenenti alla mitologia di diverse culture e in particolare sono noti i Deva dei quattro elementi della vita, pilastri portanti dell’Universo e noi ci siamo ritrovate perfettamente nei nostri quattro elementi. Laura ha portato il rock’n’roll nelle Deva oltre all’esperienza che ha già avuto.

L’album, composto da dieci brani, vede in scaletta, oltre al singolo già citato, anche “L’amore merita“, brano contro l’omofobia e a sostegno delle unioni civili, “Cose che si dicono” che vede la collaborazione di Gionny Scandal e “Il mago lo sa” con il featuring di Alessio Caraturo. Il disco nasce dalla collaborazione con un team di autori (Marco Rettani, Antonio Maggio e Nicolas Bonazzi) e della consulenza artistica di Zibba e le Deva hanno già raggiunto la cifra di cinquantamila copie digitali vendute e sette milioni di visualizzazioni su YouTube con i video usciti fino ad ora. In occasione della pubblicazione del loro debutto discografico Le Deva cominceranno anche un instore tour, che prenderà il via da Firenze e Bologna proprio il 20 ottobre.

Rispondi