Mancano pochi giorni alla pubblicazione di “Start“, dodicesimo disco d’inediti di Ligabue, lavoro che sarà pubblicato dall’etichetta Zoo Aperto/F&P Music Hub/Warner Music l’8 marzo a distanza di due anni e mezzo dal precedente “Made in Italy“.

Il disco è stato anticipato dal singolo “Luci D’America” che, nella prima settimana di programmazione, è entrato direttamente al vertice della classifica radiofonica, ed è stato prodotto da Federico Nardelli, produttore romano già al fianco di protagonisti della nuova scena cantautorale italiana, quella del giro ItPop, come Gazzelle e Galeffi.

In contemporanea alla notizia della pubblicazione del nuovo disco, Ligabue ha anche annunciato il suo nuovo “Start Tour 2019“, tour che arriverà negli stadi italiani a distanza di cinque anni dalla tournée legata a “Mondovisione” e che partirà il 14 giugno dallo stadio San Nicola di Bari e che girerà mezza Italia. Queste le date: 14 giugno Stadio San Nicola di Bari, 17 giugno Stadio San Filippo di Messina, 21 giugno Stadio Adriatico di Pescara, 25 giugno Stadio Artemio Franchi di Firenze, 28 giugno Stadio San Siro di Milano, 2 luglio Stadio Olimpico di Torino, 6 luglio Stadio Dall’Ara di Bologna, 9 luglio Stadio Euganeo di Padova, 12 luglio Stadio Olimpico di Roma.

Pochi giorni fa, ospite del salotto di Fabio Fazio a “Che tempo che fa“, Ligabue ha presentato il suo nuovo disco raccontando in maniera molto personale episodi della sua vita che il pubblico non avrebbe mai immaginato: la sua malattia, la sua grande passione per la musica che non lo ha mai lasciato e lo ha sempre supportato in ogni periodo buio, e la morte di suo figlio, morto subito dopo la nascita, morte che ha lasciato un enorme vuoto nel cuore del cantante e che ha raccontato in maniera toccante, dicendo quanto possa essere difficile cantare davanti a tanti fan quando solo il giorno prima il proprio figlio non ce l’ha fatta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.