“Oggi è con profonda tristezza che Ac/Dc deve annunciare la morte di Malcolm Young. Malcolm, insieme ad Angus, è stato il fondatore e creatore di Ac/Dc. Con grande dedizione, era la forza trainante della band. Come chitarrista, compositore e visionario, è stato un perfezionista e un uomo unico. Ha sempre tenuto duro e ha detto e fatto esattamente quello che voleva. La sua lealtà verso i fan è stata insuperabile. Come fratello, è difficile esprimere a parole quello che ha significato per me, il legame che avevamo era unico e molto speciale. Lascia un’eredità enorme che vivrà per sempre. Malcolm, lavoro ben fatto.”

Con queste parole la pagina Facebook ufficiale degli AC/DC annuncia la scomparsa di Malcolm Young, chitarrista e fondatore della band. Ha sofferto per anni di demenza e se ne è andato circondato dalla sua famiglia.

Nato il 6 gennaio del 1953 a Glasgow, nel Regno Unito, ha fondato insieme insieme al fratello Angus nel 1973 gli AC/DC. Ritagliatosi il ruolo di chitarrista ritmico, era uno specialista di riff e accordature aperte, molto stimato nel mondo dei chitarristi, in primis da Keith Richards. È suo il celeberrimo riff di “Back in Black” ed è stato coautore di tutti i brani della band fino a “Rock or Bust” del 2014. Il suo ultimo concerto è stato a Bilbao, nel giugno 2010.

Negli ultimi anni la sua vita è stata un calvario: nel 2010 gli fu diagnosticato un cancro al polmone che lo costrinse a essere operato d’urgenza, poi sono insorti problemi cardiaci gravi che hanno richiesto l’installazione di un pacemaker e infine nel 2014 la scoperta di una forma di Alzheimer che lo ha fatto scivolare nella demenza senile, quando già aveva abbandonato l’attività musicale e che lo aveva costretto a ritirarsi a vita privata facendosi ricoverare in un centro specializzato in una città australiana.

Il mondo del rock nelle scorse ore si è riunito nel rendergli omaggio e tra i tributi più grandi, che hanno coinvolto anche gli artisti impegnati sui palchi di mezzo mondo (ricordiamo Billy Joel, i Foo Fighters e Alice Cooper), c’è stato quello dei Guns’n’Roses che hanno aperto il loro concerto di Sacramento suonando Whole Lotta Rosie” e “Let There Be Rock“, con alle spalle l’immagine di Malcolm.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.