Fabio Rovazzi e Gianni Morandi sono finiti al centro delle polemiche e nel mirino dei social network dopo la loro esibizione in playback ai Wind Music Awards che si sono tenuti all’Arena di Verona: al momento di cantare il loro successo “Volare” ci sono stati vari errori di sincronizzazione fra i cantanti e la musica, come testimoniato dalle immagini in diretta.

Dopo l’esecuzione di “Tutto molto interessante” il giovane videomaker Fabio Rovazzi ha accolto sul palco Gianni Morandi per proporre il loro singolo “Volare” che sta macinando numeri impressionanti sia su Youtube che sui canali di streaming, ma su Facebook e Twitter sono scoppiate le polemiche proprio per gli errori dei due cantanti: “Super playback di #Morandi ahahah Poteva farlo #Rovazzi che stona a schifo ahahah #WMA17 #Volare”, “#rovazzi stona. e #morandi non azzecca mezza parola in playback…#mifavolare proprio eh!” e “Ma #morandi e #rovazzi cantano la canzone di altri?! #1nonsaleparole #1stonatoquantome”, giusto per citarne alcuni.

Volare – Fabio Rovazzi e Gianni Morandi

Sul suo profilo Facebook il cantante di Monghidoro ha risposto alle critiche con il solito garbo e la solita ironia rispondendo ad un commento sotto una foto che ritraeva Morandi in compagnia di Rovazzi e Chiara Ferragni, la compagnia di Fedez e assumendosi tutte le colpe difendendo così il giovane collega: “Cara Donatella, ero in playback, avrei dovuto premiare Fabio e basta…oramai non so più cantare! Un abbraccio.”

Intanto su RaiPlay, la piattaforma che consente di rivedere online la programmazione della Rai, la loro performance è stata tagliata, e così il video mostra il finale della performance di “Tutto molto interessante” a cui è stato appiccicato un Morandi che saluta i conduttori al termine dell’esibizione: da viale Mazzini fanno sapere c’è stato un problema tecnico con l’audio e per questo la produzione sta intervenendo sulla versione online di RaiPlay per ricaricarla con l’audio corretto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.