Sono passati ben quindici anni dall’enorme successo di “Jà sei namorar” e i Tribalistas si preparano a conquistare anche l’Italia. Il loro album, uscito in Brasile nel 2002, fu un enorme successo, con oltre 3 milioni di copie vendute. Il trio si prepara a presentare un nuovo progetto e lo farà anche di fronte al pubblico italiano con un tour europeo che toccherà due tappe nel nostro Paese.

Nel corso dello spettacolo i Tribalistas, composti da Marisa Monte, Carlinhos Brown e Arnaldo Antunes, proporranno anche alcuni brani del vecchio album. Sul palco saranno accompagnati  dai musicisti Dadi Carvalho (basso, chitarra elettrica, mandolino e tastiera), Pedro Baby (chitarre acustiche ed elettriche), Pretinho da Serrinha (cavaquinho) e Marcelo Costa (batteria).

Le date italiane, dove e quando

Il tour europeo dei Tribalistas è partito dal Portogallo lo scorso 21 ottobre e si concluderà proprio in Italia, con le date di Roma e Milano:

  • Giovedì 8 novembre MILANO – Teatro degli Arcimboldi (Viale dell’Innovazione, 20);
  • Domenica 11 novembre ROMA – Sala Santa Cecilia, Auditorium Parco della Musica (Viale Pietro de Coubertin 30).

Il nuovo progetto del trio è stato realizzato insieme a Leonardo Netto e a un piccolo gruppo di musicisti, amici e colleghi. Il lavoro è stato portato avanti con la stessa squadra che ha già lavorato all’album d’esordio . Il disco conta 10 brani e l’annuncio della sua uscita è stata presentata tramite social, con un’anticipazione di quattro brani, per la gioia dei fan. In radio è stato anticipato da due di questi, “Diáspora” e “Um Só“, che ovviamente faranno parte dei pezzi in scaletta in occasione delle esibizioni live.

I nostalgici ricorderanno sicuramente il grande successo del singolo “Jà sei namorar“, diventato uno dei tormentoni dell’estate 2003. Allora c’era ancora il Festivalbar e il gruppo si esibì all’Arena di Verona, il successo della loro musica superò abbondantemente i confini brasiliani. L’album, infatti, uscì solamente in patria nel 2002 per poi essere lanciato a livello internazionale, con un riscontro più che positivo. Basti pensare che, solo in Italia, diventò tre volte disco di platino.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.