Vicky Cornell, la moglie di Chris Cornell, cantante e frontman dei Soundgarden e degli Audioslave, ha scritto una lettera aperta su Billboard per commemorare il marito. Ricordiamo che Cornell si è spento il 17 maggio all’eta di 52 anni in una camera di albergo a Detroit. La morte del cantante grunge è stata certificata come suicidio dal coroner e la sua famiglia ha affermato che gli antidepressivi che stava assumendo potrebbero aver contribuito alla sua scelta.

Vicky Cornell aveva precedentemente affermato che la morte del musicista era “una perdita che le parole non possono descrivere e che aveva creato un vuoto nel suo cuore che non sarebbe mai stato più colmato.” Ora ha pubblicato questa lettera su Billboard:

 

Al mio dolce Christopher,

Sei stato il miglior padre, marito e genero. La tua pazienza, la tua empatia e il tuo amore erano palpabili.

Hai sempre detto che io ti ho salvato, che non saresti stato vivo se non fosse stato per me. Il mio cuore gioiva nel vederti felice, in vita e motivato. Eccitato dalla vita. Facendo tutto il possibile per restituire quello che ti aveva dato. Abbiamo avuto i nostri bei momenti in questi dieci anni e sono spiacente, mio dolce amore, di non aver visto cosa ti è successo l’ultima notte. Mi spiace che tu fossi solo, e so che non eri in te stesso, mio dolce Christopher. Anche i tuoi figli lo sanno, quindi puoi riposare in pace.

Sono distrutta, ma rimarrò in piedi e mi prenderò cura dei nostri splendidi bambini. Penserò a te ogni minuto di ogni giorno e combatterò per te. Avevi ragione quando dicevi che eravamo anime gemelle. È stato detto che le strade che si sono incrociate si incroceranno di nuovo, e so che tu mi troverai e che io ti aspetterò.

Ti amo più di qualunque persona abbia mai amato qualcuno nella storia dell’amore e più di chiunque potrà mai fare.

Sempre e per sempre,
La tua Vicky.”

La salma di Cornell è stata cremata con una cerimonia privata all’Hollywood Forever Cemetery alla presenza di sua moglie Vicky, del fratello Peter e degli amici Linda Ramone e J.D. King.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.